Scopri

Abbacchio scottadito

Chef José Amici

Difficoltà: easy

Preparazione: 5'

Cottura: 10'

Riposo: 60'

Difficoltà: easy

Preparazione: 5'

Cottura: 10'

Riposo: 60'

Chef José Amici

Difficoltà: easy

Preparazione: 5'

Cottura: 10'

Riposo: 60'

Difficoltà: easy

Preparazione: 5'

Cottura: 10'

Riposo: 60'

Preparazione

  1. 01 /

    Scaldate una padella e unite lo strutto o l’olio extra vergine d’oliva e lo spicchio d’aglio, senza farlo bruciare. Togliete l’aglio quando è dorato, alzate la fiamma e mettete le costolette di abbacchio, aggiungendo anche il rosmarino. Questo è il metodo più veloce, ma se avete più tempo otterrete delle costolette molto più saporite se le mettete a marinare in olio extra vergine d’oliva e rosmarino per almeno 12 ore prima di cuocerle, senza sale per non far fuoriuscire i succhi dalle carni. Al momento della cottura procedete nello stesso modo sopra indicato, mettendo meno olio nella padella, ma aggiungendo sempre lo spicchio d’aglio che toglierete poi appena sarà dorato.

  2. 02 /

    Lasciate cuocere le costolette per circa 2 o 3 minuti per parte, girandole il meno possibile e senza bucherellarle per non far fuoriuscire i succhi. L’abbacchio è un agnellino giovane, molto tenero perché nutrito del solo latte materno, per cui avrebbe bisogno di una cottura molto veloce. 2 o 3 minuti per parte vanno bene per una cottura al sangue, se la desiderate più cotta cuocete la carne per qualche minuto in più.

  3. 03 /

    Impiattate mettendo le costolette sul piatto di portata, salate e pepate, aggiungete un filo di olio extravergine d’oliva e decorate con del rosmarino. Come il nome “scottadito” suggerisce vanno servite immediatamente, ben calde.

Ingredienti per 4 persone

600 g di abbacchio – costolette e coscia

1 cucchiaio di strutto oppure 20 g di olio extra vergine d’oliva

1 rametto di rosmarino

1 spicchio d’aglio

sale

pepe

Potrebbe piacerti anche

Spaghetti all’amatriciana
Panzanella dei castelli romani

La panzanella è una ricetta povera, tradizionale della cucina contadina, nata per riciclare ingredienti che si hanno nella dispensa.

Cotoletta alla Milanese

La cotoletta alla milanese è un classico secondo piatto lombardo, caratterizzato da una succosa fetta di vitello impanata e fritta nel burro. La carne rimane tenera all’interno, mentre l’esterno è dorato e croccante, rendendo questa cotoletta un’icona della cucina milanese. 

Bistecca alla Fiorentina

La bistecca alla Fiorentina è un classico secondo piatto toscano. Questo taglio di carne di alta qualità, solitamente un T-bone o una bistecca con osso, viene grigliato a fuoco vivo e servito al sangue con una crosta dorata e croccante. La carne viene tradizionalmente insaporita solo con sale, pepe e un filo d’olio extravergine d’oliva. 

Arrotolato di tacchino farcito con salsiccia e funghi
Baccalà mantecato con crostoni di polenta
Spaghetti all’amatriciana
Panzanella dei castelli romani

La panzanella è una ricetta povera, tradizionale della cucina contadina, nata per riciclare ingredienti che si hanno nella dispensa.

Cotoletta alla Milanese

La cotoletta alla milanese è un classico secondo piatto lombardo, caratterizzato da una succosa fetta di vitello impanata e fritta nel burro. La carne rimane tenera all’interno, mentre l’esterno è dorato e croccante, rendendo questa cotoletta un’icona della cucina milanese. 

Bistecca alla Fiorentina

La bistecca alla Fiorentina è un classico secondo piatto toscano. Questo taglio di carne di alta qualità, solitamente un T-bone o una bistecca con osso, viene grigliato a fuoco vivo e servito al sangue con una crosta dorata e croccante. La carne viene tradizionalmente insaporita solo con sale, pepe e un filo d’olio extravergine d’oliva. 

Arrotolato di tacchino farcito con salsiccia e funghi
Baccalà mantecato con crostoni di polenta
Aggiungi ai preferiti
Copyright © 2024 Cuciniamo S.r.l. - P.iva e Cod. Fisc. 11653660966 Tutti i diritti riservati. Privacy policy | Cookie policy | Personalizza