Scopri

Gnocchi al gorgonzola

La scelta delle patate giuste è fondamentale per la buona riuscita degli gnocchi.

Chef Danilo Angè

Difficoltà: medium

Preparazione: 140'

Cottura: 20'

Riposo: 30'

Difficoltà: medium

Preparazione: 140'

Cottura: 20'

Riposo: 30'

Chef Danilo Angè

Difficoltà: medium

Preparazione: 140'

Cottura: 20'

Riposo: 30'

Difficoltà: medium

Preparazione: 140'

Cottura: 20'

Riposo: 30'

Preparazione

  1. 01 / Preparate le patate

    Lessatele partendo da acqua fredda per circa 30 minuti, comunque fino a quando sono ben morbide.

    Scolatele, sbucciatele, passatele ancora calde nello schiacciapatate.

    Raccogliete la purea in una ciotola e lasciate intiepidire

  2. 02 / Preparate l'impasto

    Unite la farina, l’uovo, il parmigiano, il sale, il pepe e la noce moscata

    Lavorate con il cucchiaio di legno fino ad amalgamare gli ingredienti

    Versate il composto su un piano di lavoro leggermente infarinato

    Impastatelo velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo e non appiccicoso

  3. 03 / Preparate gli gnocchi

    Dividete l’impasto, lavorate ogni porzione formando dei rotolini dello spessore di circa 2cm

    Tagliateli in pezzetti di circa 3 cm

    Prendete tutti gli gnocchi ottenuti e dategli la caratteristica foggia rigata,passandoli ad uno ad uno sui rebbi di una forchetta

    Disponete gli gnocchi su un piano infarinato facendo ben attenzione a non sovrapporli per non farli appiccicare tra di loro

Abbinamento del vino

In abbinamento al gorgonzola dolce è ideale un vino bianco morbido, come un Riesling o una Malvasia secca, altrimenti un rosso leggero della Valtellina o un Sangiovese di Romagna.

Per il gorgonzola piccante, invece, è indicato l’abbinamento con un vino rosso strutturato e invecchiato: in questo caso Barolo, Brunello di Montalcino e Amarone della Valpolicella sono perfetti.

Se non avete tempo di preparare gli gnocchi appena prima di consumarli potete seguire i consigli “come si conservano”, preparando però la salsa di gorgonzola all’ultimo momento.

Per evitare di avere gnocchi troppo gommosi:

Lasciate intiepidire le patate prima di unire gli altri ingredienti

Non aggiungete troppa farina anche se l’impasto vi sembra morbido

Lavorate velocemente l’impasto

Se pensate di consumare gli gnocchi entro un paio di giorni cuoceteli in acqua salata, quindi raffreddateli in acqua e ghiaccio. Scolateli e conservateli, unti d’olio, in frigorifero. Al momento dell’utilizzo ripetete la bollitura.

Se volete conservarli più a lungo non cuoceteli, ma metteteli subito appena fatti in congelatore. Li cuocerete al momento del consumo, da congelati.

Se avanzate degli gnocchi già conditi, il giorno successivo potete spolverarli con del parmigiano grattugiato e passarli in forno a 190° fino a farli dorare.

La scelta delle patate giuste è fondamentale per la buona riuscita degli gnocchi. Acquistate delle patate non novelle in quanto più povere in acqua: questo vi permetterà di utilizzare meno farina nell’impasto. Gli gnocchi risulteranno così meno collosi e più gradevoli.

Potete utilizzare la tipologia di gorgonzola che più vi piace; se optate per quello dolce tenete presente che, oltre alla differenza di gusto, è più morbido e cremoso di quello piccante.

Ingredienti per 4 persone

Per gli gnocchi

600 g di patate farinose

200-250 g di farina 00

1 uovo

noce moscata

40 g di parmigiano grattugiato

sale e pepe

Per la salsa al gorgonzola

300 g di gorgonzola dolce o piccante

1 dl di latte

1 dl di panna

60 g di noci sgusciate

sale e pepe

100 g di parmigiano grattuggiato (facoltativo)

Abbinamento del vino

In abbinamento al gorgonzola dolce è ideale un vino bianco morbido, come un Riesling o una Malvasia secca, altrimenti un rosso leggero della Valtellina o un Sangiovese di Romagna.

Per il gorgonzola piccante, invece, è indicato l’abbinamento con un vino rosso strutturato e invecchiato: in questo caso Barolo, Brunello di Montalcino e Amarone della Valpolicella sono perfetti.

Potrebbe piacerti anche

Brasato di manzo con polenta

Tipico piatto delle occasioni nelle tavole del Nord Italia, il brasato al vino rosso deve la sua piacevolezza anche alla morbidezza della carne, che si deve sciogliere in bocca per quanto tenera è.

Timballo di rigatoni al forno
Farfalle al forno con pesto vegano invernale
Cheesecake salata con taralli e lamponi
Ravioli alla carbonara
Pasticcio di fettuccine pollo e peperoni
Brasato di manzo con polenta

Tipico piatto delle occasioni nelle tavole del Nord Italia, il brasato al vino rosso deve la sua piacevolezza anche alla morbidezza della carne, che si deve sciogliere in bocca per quanto tenera è.

Timballo di rigatoni al forno
Farfalle al forno con pesto vegano invernale
Cheesecake salata con taralli e lamponi
Ravioli alla carbonara
Pasticcio di fettuccine pollo e peperoni
Aggiungi ai preferiti
Copyright © 2024 Cuciniamo S.r.l. - P.iva e Cod. Fisc. 11653660966 Tutti i diritti riservati. Privacy policy | Cookie policy | Personalizza