Scopri

Insalata di gallina alla lombarda

L’insalata di gallina alla lombarda può essere preparata, senza seguire la tradizione, anche con altre carni, per esempio con un arrosto di vitello avanzato.

Chef Danilo Angè

Difficoltà: easy

Preparazione: 10'

Cottura: 90'

Difficoltà: easy

Preparazione: 10'

Cottura: 90'

Chef Danilo Angè

Difficoltà: easy

Preparazione: 10'

Cottura: 90'

Difficoltà: easy

Preparazione: 10'

Cottura: 90'

Preparazione

  1. 01 / Preparate il brodo

    Mettete la cipolla tagliata a metà in una padella molto calda e fatela tostare

    Mettete carota, sedano e cipolla tostata in una pentola con acqua bollente

    Lasciate insaporire per almeno 10 minuti

  2. 02 / Preparate la gallina

    Aggiungete la gallina al brodo

    Lasciatela cuocere per circa 1 ora, fino a quando vedete che è bella morbida

    Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire la gallina nel brodo di cottura

  3. 03 / Preparate nel frattempo le verdure di accompagnamento

    Pelate e tagliate a julienne le carote

    Tagliate a julienne il sedano

    Tagliate a julienne i cetriolini

    Uniteli in una ciotola e mescolate

  4. 04 / Finite di preparare la gallina

    Una volta tiepida, togliete la gallina dal brodo

    Disossatela

    Tagliate la carne a julienne

  5. 05 / Preparate il condimento

    Grattugiate la scorza del limone in una ciotola

    Tritate il prezzemolo ed aggiungetelo

    Aggiungete sale e pepe

    Aggiungete aceto e olio

    Miscelate energicamente

  6. 06 / Impiattate

    Mettete la misticanza sul fondo del piatto

    Posate sopra la carne di gallina

    Aggiungete le verdure

    Completate con il condimento

Abbinamento del vino

Abbinate l’insalata di gallina ad un vino bianco fermo, secco e leggero, quali lo Chardonnay o il Verdicchio classico.

Potete preparare la gallina il giorno prima, lasciandola nel brodo di cottura per non farla seccare. Togliete però le verdure, renderebbero acido il brodo.

Non utilizzate verdure o sottaceti a caso: la semplicità di questa ricetta richiede un equilibrio tra gli elementi che la compongono!

Non cuocete poco la gallina: lasciatela cuocere fino a quando è ben morbida e la carne si stacca quasi da sola dalle ossa.

Cercate di condire solo la quantità di insalata che pensate di mangiare: una volta condite, le verdure non mantengono la stessa croccantezza.

Potete conservare la gallina in frigorifero per un paio di giorni oppure usarla per delle polpette mondeghili.

L’insalata di gallina alla lombarda può essere preparata, senza seguire la tradizione, anche con altre carni, per esempio con un arrosto di vitello avanzato.

Potete aggiungere altre verdure a vostro gusto, mantenendo la stagionalità e l’equilibrio dei gusti. Vanno benissimo i rapanelli, il finocchio o anche del peperone se vi piace un sapore più intenso.

Potete aggiungere anche altri sottaceti, quali cipolline o altro a vostro piacimento, sempre stando attenti a non far prevalere un ingrediente sugli altri.

Ingredienti per 4 persone

Per l’insalata di gallina

1 gallina

200 g di sedano

300 g di carote

1 limone

80 g di cetriolini sott’aceto

80 g di misticanza

1 mazzetto di prezzemolo

20 ml aceto di vino bianco

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Per il brodo

100 g di carote

70 g di cipolle

70 g di sedano

Abbinamento del vino

Abbinate l’insalata di gallina ad un vino bianco fermo, secco e leggero, quali lo Chardonnay o il Verdicchio classico.

Potrebbe piacerti anche

Brodo vegetale

Il brodo vegetale preparato in casa aggiunge un sapore fresco e gradevole a molte ricette; è molto facile da preparare.

Polpette milanesi “mondeghili”

Le polpette milanesi “mondeghili” hanno la particolarità di essere fatte utilizzando delle carni avanzate, quali un arrosto, un bollito o un brasato per esempio.

Cotoletta alla Milanese

La cotoletta alla milanese è un classico secondo piatto lombardo, caratterizzato da una succosa fetta di vitello impanata e fritta nel burro. La carne rimane tenera all’interno, mentre l’esterno è dorato e croccante, rendendo questa cotoletta un’icona della cucina milanese. 

Bistecca alla Fiorentina

La bistecca alla Fiorentina è un classico secondo piatto toscano. Questo taglio di carne di alta qualità, solitamente un T-bone o una bistecca con osso, viene grigliato a fuoco vivo e servito al sangue con una crosta dorata e croccante. La carne viene tradizionalmente insaporita solo con sale, pepe e un filo d’olio extravergine d’oliva. 

Pane carasau

Il pane carasau è un pane tradizionale sardo, conosciuto anche come “carta da musica” per la sua croccantezza. Questo pane sottile e croccante, cotto in forno, viene servito come accompagnamento per molti piatti della tradizione sarda o arricchito con olio d’oliva e sale per un antipasto gustoso. 

Arancini di riso

Gli arancini sono una specialità siciliana a base di riso, tipicamente ripieni di ragù, piselli e mozzarella. Queste palline di riso vengono impanate e poi fritte fino a ottenere una croccante doratura. Sono un piatto delizioso e versatile che può essere farcito con vari ingredienti, offrendo un’esplosione di sapori avvolta da un guscio croccante e saporito. Perfetti come antipasto, snack o piatto unico, gli arancini sono un’esperienza culinaria unica. 

Brodo vegetale

Il brodo vegetale preparato in casa aggiunge un sapore fresco e gradevole a molte ricette; è molto facile da preparare.

Polpette milanesi “mondeghili”

Le polpette milanesi “mondeghili” hanno la particolarità di essere fatte utilizzando delle carni avanzate, quali un arrosto, un bollito o un brasato per esempio.

Cotoletta alla Milanese

La cotoletta alla milanese è un classico secondo piatto lombardo, caratterizzato da una succosa fetta di vitello impanata e fritta nel burro. La carne rimane tenera all’interno, mentre l’esterno è dorato e croccante, rendendo questa cotoletta un’icona della cucina milanese. 

Bistecca alla Fiorentina

La bistecca alla Fiorentina è un classico secondo piatto toscano. Questo taglio di carne di alta qualità, solitamente un T-bone o una bistecca con osso, viene grigliato a fuoco vivo e servito al sangue con una crosta dorata e croccante. La carne viene tradizionalmente insaporita solo con sale, pepe e un filo d’olio extravergine d’oliva. 

Pane carasau

Il pane carasau è un pane tradizionale sardo, conosciuto anche come “carta da musica” per la sua croccantezza. Questo pane sottile e croccante, cotto in forno, viene servito come accompagnamento per molti piatti della tradizione sarda o arricchito con olio d’oliva e sale per un antipasto gustoso. 

Arancini di riso

Gli arancini sono una specialità siciliana a base di riso, tipicamente ripieni di ragù, piselli e mozzarella. Queste palline di riso vengono impanate e poi fritte fino a ottenere una croccante doratura. Sono un piatto delizioso e versatile che può essere farcito con vari ingredienti, offrendo un’esplosione di sapori avvolta da un guscio croccante e saporito. Perfetti come antipasto, snack o piatto unico, gli arancini sono un’esperienza culinaria unica. 

Aggiungi ai preferiti
Copyright © 2024 Cuciniamo S.r.l. - P.iva e Cod. Fisc. 11653660966 Tutti i diritti riservati. Privacy policy | Cookie policy | Personalizza