Scopri

Pesto di basilico

Chef Danilo Angè

Difficoltà: easy

Preparazione: 5'

Difficoltà: easy

Preparazione: 5'

Chef Danilo Angè

Difficoltà: easy

Preparazione: 5'

Difficoltà: easy

Preparazione: 5'

Preparazione

  1. 01 / Se preparate il pesto nel mortaio

    Togliete l’anima all’aglio

    Mettete sale grosso e aglio nel mortaio

    Iniziate a lavorare per formare una crema d’aglio

    Aggiungete i pinoli

    Lavorate per spezzettare i pinoli

    Aggiungete il basilico poco per volta

    Lavorate bene, deve sminuzzarsi

    Aggiungete parmigiano e pecorino

    Aggiungete l’olio extra vergine d’oliva, non tutto insieme, poco per volta

    Terminate di lavorare quando si raggiunge una consistenza cremosa

  2. 02 / Se preparate il pesto nel frullatore

    Togliete l’anima dall’aglio

    Mettete sale grosso e aglio nel frullatore

    Aggiungete il basilico

    Aggiungete parmigiano e pecorino

    Aggiungete poco olio extra vergine d’oliva, quanto basta per far girare bene il frullatore

    Azionate il frullatore

    Aggiungete l’olio poco per volta

    Spegnete il frullatore quando si raggiunge una consistenza cremosa

Abbinamento del vino

Abbinate il pesto con un vino bianco, secco e sapido, della Liguria, quale il Vermentino o un Pigato.

Se preferite i rossi, potete scegliere un rosso delicato della Liguria quale il Rossese di Dolceacqua.

Il pesto è una salsa molto veloce da preparare, senza passaggi che possono essere fatti in anticipo.

Se fate il pesto nel mortaio non pestate con forza le foglie, ma ruotate dolcemente il pestello lungo le pareti del mortaio, in modo da stracciarle senza tranciarle. Il basilico sprigionerà così al meglio il suo profumo.

Se fate il pesto nel frullatore, per evitare di ottenere un pesto dal colore troppo scuro a causa del surriscaldamento, mettete il bicchiere del frullatore e le lame nel frigo per qualche ora prima di cominciare la lavorazione e frullate spesso e per pochi secondi alla volta. Aggiungete poi l’olio il prima possibile, funziona da antiossidante.

Non scaldate mai il pesto, è una salsa che non va cotta.

Non aggiungete assolutamente burro, panna o altro grasso che non sia olio extra vergine di oliva!

Potete conservare il pesto in frigo per alcuni giorni oppure congelarlo nel freezer in piccoli vasetti di vetro con la dose giusta per un unico impiego, da mettere in freezer subito, appena fatto il pesto. Per usarli toglieteli dal congelatore qualche ora prima ravvivandoli con un po’ d’olio extra vergine di oliva e di acqua di cottura della pasta.

Se volete congelare il pesto, fatelo prima di aggiungere i formaggi, avrete un risultato migliore. Ricordatevi di incorporarli al momento dell’impiego finale.

Anche se diffuso in tutta Italia, il pesto di basilico nasce in Liguria, dove si usano

Basilico DOP genovese

Aglio di Vessalico

Olio extra vergine di olive taggiasche

Parmigiano reggiano o Grana Padano

Pecorino DOP Fiore Sardo

Se non avete la possibilità di avere questi ingredienti, fate attenzione a utilizzare

Basilico meglio se a foglia piccola

Aglio dal gusto delicato

Olio extra vergine d’oliva dal sapore non troppo intenso e aggressivo

Pecorino non sardo, ma comunque italiano, quale romano o toscano.

Al giorno d’oggi trovate molto spesso il pesto di basilico anche senza aglio, apprezzato da chi non desidera problemi di digestione. Meglio sarebbe, per rispettare l’equilibrio dei sapori, utilizzarne meno, senza eliminarlo totalmente.

Ingredienti per 4 persone

60 g di foglie di basilico

50 g di parmigiano reggiano grattugiato

30 g di pecorino Fiore sardo grattugiato

30 g di pinoli

1 spicchio di aglio

10 g di sale grosso

70 g di olio extravergine di oliva ligure

Abbinamento del vino

Abbinate il pesto con un vino bianco, secco e sapido, della Liguria, quale il Vermentino o un Pigato.

Se preferite i rossi, potete scegliere un rosso delicato della Liguria quale il Rossese di Dolceacqua.

Potrebbe piacerti anche

Trofie al pesto

Le trofie al pesto sono un gustoso piatto della cucina ligure.

Sciroppo semplice

Lo sciroppo semplice è un dolcificante versatile composto da acqua e zucchero, utilizzato come ingrediente base in numerosi cocktail. La sua consistenza liquida permette di mescolarlo facilmente alle bevande, assicurando una dolcezza uniforme. Può essere aromatizzato con spezie, erbe o frutta. 

Burro chiarificato

Il burro chiarificato è un burro a cui sono state rimosse acqua e proteine, lasciando solo la parte grassa. Ha un punto di fumo più alto rispetto al burro normale, ed è ideale per friggere e per cucinare a temperature elevate senza bruciare. 

Pane carasau

Il pane carasau è un pane tradizionale sardo, conosciuto anche come “carta da musica” per la sua croccantezza. Questo pane sottile e croccante, cotto in forno, viene servito come accompagnamento per molti piatti della tradizione sarda o arricchito con olio d’oliva e sale per un antipasto gustoso. 

Pan di Spagna

Il pan di Spagna è una base soffice e leggera, utilizzata in pasticceria per realizzare torte farcite, rotoli dolci e pasticcini. Preparato con pochi ingredienti come uova, zucchero e farina, è un must per ogni pasticciere. 

Ragù di lenticchie
Trofie al pesto

Le trofie al pesto sono un gustoso piatto della cucina ligure.

Sciroppo semplice

Lo sciroppo semplice è un dolcificante versatile composto da acqua e zucchero, utilizzato come ingrediente base in numerosi cocktail. La sua consistenza liquida permette di mescolarlo facilmente alle bevande, assicurando una dolcezza uniforme. Può essere aromatizzato con spezie, erbe o frutta. 

Burro chiarificato

Il burro chiarificato è un burro a cui sono state rimosse acqua e proteine, lasciando solo la parte grassa. Ha un punto di fumo più alto rispetto al burro normale, ed è ideale per friggere e per cucinare a temperature elevate senza bruciare. 

Pane carasau

Il pane carasau è un pane tradizionale sardo, conosciuto anche come “carta da musica” per la sua croccantezza. Questo pane sottile e croccante, cotto in forno, viene servito come accompagnamento per molti piatti della tradizione sarda o arricchito con olio d’oliva e sale per un antipasto gustoso. 

Pan di Spagna

Il pan di Spagna è una base soffice e leggera, utilizzata in pasticceria per realizzare torte farcite, rotoli dolci e pasticcini. Preparato con pochi ingredienti come uova, zucchero e farina, è un must per ogni pasticciere. 

Ragù di lenticchie
Aggiungi ai preferiti
Copyright © 2024 Cuciniamo S.r.l. - P.iva e Cod. Fisc. 11653660966 Tutti i diritti riservati. Privacy policy | Cookie policy | Personalizza