Scopri

Ragù alla bolognese

Come la maggior parte delle ricette della tradizione anche il ragù alla bolognese presenta delle piccole varianti che si tramandano di famiglia in famiglia.

Difficoltà: easy

Preparazione: 20'

Cottura: 150'

Difficoltà: easy

Preparazione: 20'

Cottura: 150'

Difficoltà: easy

Preparazione: 20'

Cottura: 150'

Difficoltà: easy

Preparazione: 20'

Cottura: 150'

Preparazioni di base

Brodo vegetale

Preparazione

  1. 01 / Preparate le verdure

    Pulite e mondate le verdure

    Tagliatele a piccoli cubetti

    Versatele in casseruola con poco olio extra vergine d’oliva e lasciatele stufare

  2. 02 / Aggiungete le carni

    Unite la pancetta ed iniziate ad alzare il fuoco

    Aggiungete la carne di manzo e quella di maiale e fate rosolare

    Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare

  3. 03 / Unite gli altri ingredienti

    Legate le erbe aromatiche con lo spago

    Aggiungete il mazzetto di erbe, la polpa e il concentrato di pomodoro

    Bagnate con brodo vegetale fino a coprire il tutto

  4. 04 / Proseguite la cottura

    Dopo almeno un’ora aggiungete il latte

    Regolate di sale e pepe

    Lasciate cuocere per ancora un’ora e mezza minimo

    A fine cottura togliete il mazzetto di erbe aromatiche

Abbinamento del vino

Seguendo la regionalità della ricetta, potete abbinare un vivace Lambrusco emiliano; se preferite vini fermi optate per un Sangiovese di Romagna.

Preparazioni di base

Brodo vegetale

Se non avete tempo per portare a termine la cottura in una sola volta potete decidere di interromperla, mettere il ragù in frigorifero e terminare la cottura il giorno successivo.

Non sottovalutate l’importanza delle carni:

non devono essere magre, fondamentale per avere un ragù saporito è prediligere dei tagli più grassi.

mixate carne di bovino a quella di suino

Il soffritto deve essere curato:

non tagliate le verdure con il cutter che le riduce in poltiglia

tagliate le verdure a mano in cubetti che non superino di dimensioni quelle della carne

Non fate cuocere subito insieme le verdure e le carni: le verdure devono cuocere a fuoco dolce e, quando aggiungete le carni, alzate la fiamma per farle rosolare. Continuate poi la cottura a fuoco bassissimo.

Non abbiate fretta di togliere il ragù dal fuoco: un buon ragù deve cuocere almeno 2 ore e mezza, non temete di lasciarlo per più tempo, cuocendolo sempre a fuoco dolcissimo. Nel caso comunque si dovesse asciugare aggiungete poco brodo per volta per non rischiare di avere un ragù troppo liquido alla fine.

Se volete potete conservare il ragù coperto in frigorifero per 3 – 4 giorni.

Se vi avanza del ragù potete congelarlo anche in piccole porzioni in modo da scongelare poi la giusta quantità che serve al momento dell’utilizzo.

Come la maggior parte delle ricette della tradizione anche il ragù alla bolognese presenta delle piccole varianti che si tramandano di famiglia in famiglia.

Gli ingredienti indicati sono quelli che più rispettano la ricetta originale, ma troverete anche delle versioni che contemplano altri ingredienti quali

Vino rosso invece del vino bianco

Salsiccia o prosciutto crudo invece della pancetta

Funghi secchi

Brodo di carne invece del brodo vegetale

Ingredienti per 4 persone

500 g di carne di manzo macinata

300 g di carne di maiale macinata

80 g di pancetta di maiale a cubetti

100 ml di vino bianco

100 ml di latte intero

1 mazzetto di salvia, rosmarino e alloro

400 g di polpa di pomodoro

20 g di concentrato di pomodoro

300 g di sedano, carote e cipolle

brodo vegetale

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Abbinamento del vino

Seguendo la regionalità della ricetta, potete abbinare un vivace Lambrusco emiliano; se preferite vini fermi optate per un Sangiovese di Romagna.

Potrebbe piacerti anche

Mise en Place

La “Mise en Place” è una tecnica fondamentale in cucina che consiste nella preparazione e organizzazione degli ingredienti e degli strumenti necessari prima di iniziare a cucinare. Questo metodo garantisce una cucina più efficiente e ordinata, riducendo il rischio di errori e ottimizzando i tempi di preparazione. 

Sciroppo semplice

Lo sciroppo semplice è un dolcificante versatile composto da acqua e zucchero, utilizzato come ingrediente base in numerosi cocktail. La sua consistenza liquida permette di mescolarlo facilmente alle bevande, assicurando una dolcezza uniforme. Può essere aromatizzato con spezie, erbe o frutta. 

Burro chiarificato

Il burro chiarificato è un burro a cui sono state rimosse acqua e proteine, lasciando solo la parte grassa. Ha un punto di fumo più alto rispetto al burro normale, ed è ideale per friggere e per cucinare a temperature elevate senza bruciare. 

Pane carasau

Il pane carasau è un pane tradizionale sardo, conosciuto anche come “carta da musica” per la sua croccantezza. Questo pane sottile e croccante, cotto in forno, viene servito come accompagnamento per molti piatti della tradizione sarda o arricchito con olio d’oliva e sale per un antipasto gustoso. 

Pan di Spagna

Il pan di Spagna è una base soffice e leggera, utilizzata in pasticceria per realizzare torte farcite, rotoli dolci e pasticcini. Preparato con pochi ingredienti come uova, zucchero e farina, è un must per ogni pasticciere. 

Ragù di lenticchie
Mise en Place

La “Mise en Place” è una tecnica fondamentale in cucina che consiste nella preparazione e organizzazione degli ingredienti e degli strumenti necessari prima di iniziare a cucinare. Questo metodo garantisce una cucina più efficiente e ordinata, riducendo il rischio di errori e ottimizzando i tempi di preparazione. 

Sciroppo semplice

Lo sciroppo semplice è un dolcificante versatile composto da acqua e zucchero, utilizzato come ingrediente base in numerosi cocktail. La sua consistenza liquida permette di mescolarlo facilmente alle bevande, assicurando una dolcezza uniforme. Può essere aromatizzato con spezie, erbe o frutta. 

Burro chiarificato

Il burro chiarificato è un burro a cui sono state rimosse acqua e proteine, lasciando solo la parte grassa. Ha un punto di fumo più alto rispetto al burro normale, ed è ideale per friggere e per cucinare a temperature elevate senza bruciare. 

Pane carasau

Il pane carasau è un pane tradizionale sardo, conosciuto anche come “carta da musica” per la sua croccantezza. Questo pane sottile e croccante, cotto in forno, viene servito come accompagnamento per molti piatti della tradizione sarda o arricchito con olio d’oliva e sale per un antipasto gustoso. 

Pan di Spagna

Il pan di Spagna è una base soffice e leggera, utilizzata in pasticceria per realizzare torte farcite, rotoli dolci e pasticcini. Preparato con pochi ingredienti come uova, zucchero e farina, è un must per ogni pasticciere. 

Ragù di lenticchie
Aggiungi ai preferiti
Copyright © 2024 Cuciniamo S.r.l. - P.iva e Cod. Fisc. 11653660966 Tutti i diritti riservati. Privacy policy | Cookie policy | Personalizza